Quando il sindaco vietò le case in stile moresco

Cesarino Monti, ex sindaco di Lazzate, non è nuovo alle battaglie per l’«identità padana» Nell’agosto di due anni fa, infatti, temendo che il suo paese venisse deturpato da villette in stile moresco, preparò un regolamento da inserire nel piano regolatore che vietava gli edifici con «caratteristiche arabe». Non che ce ne fossero nel piccolo comune di 6mila abitanti a 20 chilometri a nord di Milano, eppure Monti era convinto che il rischio fosse presente. «Gli immigrati non sono più poveri - dichiarò - ci sono anche i padroncini, e quelli che hanno guadagni irregolari possono essere anche molto ricchi». Un padano «doc», Monti. Nel comune da lui amministrato, infatti, i cartelli stradali vennero tradotti in dialetto, la via centrale prese il nome di «via Padania», e l’insediamento della giunta festeggiato col «Va’ pensiero».