Quando la transumanza diventa una festa

Altri tempi, altre genti, rivivono in uno spettacolo che coinvolge figuranti e spettatori. Ghirlande di fiori, costumi e abiti tradizionali, la musica dei campanacci, gli animali che fanno chiasso e i richiami dei pastori a tenerli insieme. È l’antica festa della transumanza, che da fine agosto anima le valli alpine per l’antico rito della tradizione contadina. Mandrie di mucche, seguite da pecore, capre, asini e cavalli, rientrano in paese per affrontare la stagione fredda. Hanno trascorso l’estate libere sui pascoli d’alta quota, ai piedi di massicci dall’incantevole bellezza, consolidando con l’uomo un legame primitivo fatto di convivenza stretta. Ora anche lassù è arrivata la meccanizzazione, la luce, le strade, e il mestiere del malgaro è cambiato. Qualche compromesso con la civiltà, qualche sacrificio in meno, per permettere la conservazione di usanze e folclore. E la solennità del rientro a fondovalle, che è forte richiamo per gli ultimi turisti in montagna. Già il prossimo 24 agosto si terrà sull’Altopiano del Renon una delle più attese celebrazioni della transumanza. Il viaggio degli armenti, che termina a Tre Vie, ai piedi del Corno del Renon, intorno a mezzogiorno, sarà festeggiato con stand gastronomici allestiti con specialità tipiche locali e con i vini della Strada del Vino dell’Alto Adige. (Info: tel. 0471.356100). Dopo un’estate lunga circa cento giorni, le possenti mucche valdostane che da quelle parti chiamano rèines (regine), scenderanno in corteo ad Aosta il 1° ottobre, provenienti da tutte le valli. (Info: tel. 0165.275219; www.regione.vda.it). Domenica 17 settembre «Festa dul scarghé», la discesa dall’alpe del bestiame in concomitanza alla festa dell’Oratorio di Crampiolo, Alpe Crampiolo (Alpe Devero). Info: Ente Parco Veglia Devero, 0324.72572; www.parcovegliadevero.it. Nello stesso weekend, a Chiareggio in Valmalenco, «Festa dell’alpeggio» con convegni, dimostrazioni, degustazioni e la sfilata delle mandrie. Info: tel. 0342.451150; www.valmalenco.it. Infine il 24 settembre a Cavalese, in Val di Fiemme, «Desmontegada de caure e vache», con sfilata tra le case che si ripeterà a Predazzo il 1° ottobre. Info: tel. 0462.241116; www.valdifiemme.info.