«Quante belle parole... Ma la realtà è un’altra»

«Quante belle parole, quanti bei progetti, la gente però purtroppo ogni giorno viaggia su autobus e metropolitane che più che un servizio offrono un disservizio». È questo il commento del coordinamento romano pendolari (Crp), alla presentazione che si è svolta ieri all’Auditorium della Tecnica della nuova Atac.
«Nel prossimo futuro - prosegue il Crp - avremo una rinnovata linea A, la costruenda metro C, potremo girare Roma utilizzando la linea D, ci saranno nuove linee tranviarie e finalmente l’anello ferroviario. Insomma, uno scenario per i trasporti molto incoraggiante e positivo. Oggi però le migliaia di pendolari romani che utilizzano il trasporto pubblico capitolino vivono problemi quotidiani sui quali chiedono a gran voce di intervenire con priorità. Mezzi di trasporto sporchi e affollati, continui disagi a causa di guasti, disservizi e traffico, stazioni della metropolitana e delle ferrovie urbane che necessitano di un maggiore controllo. Problematiche inammissibili in una capitale europea come Roma». Per il Crp sono «belle promesse e grandi innovazioni ma l’unico modo per permettere un vero rilancio del trasporto pubblico locale a Roma e contribuire veramente a salvaguardare la salute dei cittadini è primariamente programmare interventi immediati e sul quotidiano».