Quante sorprese nel crack Parmalat

Però, Calisto Tanzi. Sullo tsunami processuale che l’ha condannato a 18 anni per la bancarotta fraudolenta di Parmalat, dopo i 10 già incassati a maggio per aggiotaggio, ha saputo dire soprattutto questo: “Non mi aspettavo una sentenza così severa”. E come no. Lui vive in Italia, dunque mai più pensava che potessero castigarlo così tanto per così poco. In definitiva, cosa avrà mai fatto: un banalissimo crack in una delle più belle aziende nazionali, capolavoro che adesso dovrà parzialmente risarcire alla nuova gestione con 2 miliardi di euro (dei 600 milioni di obbligazioni emesse quando giù era nel baratro, lui e la sua cricca dovranno restituirne 30). Tutto qui. Dove sta lo scandalo. Come si dice in questi casi, non ha ucciso nessuno. Certo non è mai bello infierire su una persona anziana, per di più in completa disgrazia. Ma nonostante abbia attorno un battaglione di eminenti avvocati, evidentemente Tanzi fatica a capire. Se 18 anni gli sembrano tanti, è un fatto che non gli basterebbero 18 vite per cancellare le sofferenze inflitte a migliaia di persone comuni, tutte persone all’epoca pronte ad affidargli la propria fiducia e soprattutto i propri risparmi. In ogni caso, Tanzi può consolarsi. Sta nel destino di questa penosa storia italiana l’elemento sorpresa. Se lui non si aspettava una sentenza così pesante, i pensionati in rovina non si sarebbero mai aspettati di invecchiare nel modo più umiliante.

Il flagello biblico del digitale tv

La libertà del calciatore

I problemi sulle fasce del ct Bersani

Cassano-Garrone: la morale dei gol

La morale da statista del cognato di Tulliani

L'era "geologica" che non cambia mai

Dilemma della vita: Italia o Indonesia?

Rifiuti, quei governatori unti del Signore

Quanta ipocrisia sul turismo macabro

Le vacanze italiane di Ivan il Trippone

Vivere appesi a Bocchino

Sara e Claudio il Grande Fratello

Tutti "partiti" per il futuro 

Quel teorico della Rupe Tarpea

Noi, senza mogli e suocere in Rai 

"Puliamo il mondo" anche dalla stupidità 

Meraviglie del Sud

Se la Ferrari vince da ferma