Quanto è costata l’Ami ai cittadini?

L’Ami, azienda di mobilità e infrastrutture di proprietà comunale sorta dallo scorporo di Amt. è nel mirino. E non solo quello della Corte dei Conti che sta effettuando un’indagine, ma anche del consigliere comunale di Forza Italia Alberto Gagliardi. Il quale ha presentato un’interrogazione al sindaco Marta Vincenzi per conoscere in dettaglio l’ammontare dei costi sostenuti dall’amministrazione comunale per il provvedimento di scorporo della società per azioni Ami da Amt. Insomma quanto sono costate perizie e spese legali. Gagliardi chiede anche di conoscere i nomi di tutti i consulenti esterni che hanno partecipato all’operazione. Altre curiosità stuzzicano il consigliere azzurro. Ad esempio sapere quanti sono i nuovi assunti di Ami, oggi anche loro in difficoltà come tutti gli ex dipendenti Amt per le decisioni prese dalla nuova giunta comunale, e se è vero che Amt paga un canone mensile di 160mila euro per i parcheggio dei propri mezzi nell’autorimessa di Boccadasse a suo tempo venduta da Ami alla cooperativa Abitcoop.