Quarant’anni per la «cantina» trasteverina

Lo Spazio Uno, storica saletta off che si annida nel cuore di Trastevere, compie quarant’anni e per omaggiare questa ricorrenza Manuela Morosini ha scritto un lavoro ad hoc che, La casa della notte il titolo, debutta questa sera nella piccola struttura di vicolo dei Panieri.
L’intento è senza dubbio quello di far rivivere il fermento culturale e la spumeggiante carica «sovversivo-innovativa» di cui Roma fu scenario tra la fine degli anni ’60 e gli anni ’70: nel 1968 - si legge tra gli appunti della Morosini, qui anche regista - Trastevere era irresistibilmente vivo. Sui gradini della fontana di Santa Maria tutte le notti si alternavano esibizioni canore, scontri ideologici, scambi di bottiglie, spinelli». Ma anche quello di attraversare la biografia di una «cantina» teatrale che è stata crocevia di incontri, idee, progetti, intuizioni, operazioni anche importanti. «In vicolo dei Panieri - spiega ancora l’autrice - dall’ultima stalla uscivano puledri, cavalli, carrozze. Accanto, in un angolo diroccato e apparentemente abbandonato, gli stallieri facevano abbeverare i propri animali. Dopo l’Accademia e un’intensa esperienza con Dario Fo e Franca Rame, in quel luogo ho fatto nascere Spazio Uno».
Ecco dunque decenni di attività e passioni sceniche confluire ora in questa nuova pièce dove, complice la forte influenza dell’amato Bernhard, la protagonista rappresenta «il simbolo di una famiglia in disgregazione, il conflitto di una donna creativa in rapporto agli uomini». Nello spettacolo recitano, oltre alla stessa drammaturga, Paolo Zuccari e Luca Mancini. Prevista poi la partecipazione della cantante Barbara Eramo, mentre le coreografie sono a firma di Elsa Piperno, che proprio qui trentotto anni fa iniziava la sua carriera.
Informazioni: 06.5896765.