Via Quaranta, le medie vanno alle statali

Dal marciapiede di via Quaranta alle scuole pubbliche, almeno per i ragazzini delle medie. Si sono detti d’accordo i genitori egiziani riuniti ieri nel tardo pomeriggio nei locali della scuola chiusa. E il direttore scolastico regionale Mario Dutto è pronto a fare la sua parte. «Un importante passo avanti – è stato il primo commento di Dutto –. Si dimostra che se si sceglie la strada della ragionevolezza anche le posizioni più radicate si possono incontrare».
Le lezioni si terranno nella scuola italiana secondo i programmi normali, ma solo al mattino. Una necessità perché i genitori hanno accettato il compromesso a patto che comunque venisse garantita anche la preparazione per sostenere a fine anno scolastico gli esami di idoneità presso il consolato egiziano.
Ancora nessuna soluzione, invece, per quanto riguarda i bambini delle elementari. Anche se, dopo l’assemblea di settimana scorsa al liceo Einstein, sempre più genitori stanno iscrivendo i figli alle scuole statali. Finora le adesioni sono state una cinquantina.