Quattro anni dopo, la Regione si dimentica di Valenziano

Nessuna ricorrenza, nessuno ricordo, neanche un piccolo discorso ad inizio seduta per commemorare chi, da quelle poltrone, ha portato avanti battaglie importanti. A quattro anni dalla scomparsa di Ernesto Bruno Valenziano, morto a 66 anni il 31 luglio 2004, nella ex sala verde del consiglio, nessuno si è ricordato di lui.
La Regione che commemora e ricorda anche eventi di decine e decine di anni fa, non ha pensato a evocare uno degli uomini storici della Regione Liguria.
Avvocato civilista, massone dichiarato, era uomo storico del Partito liberale a Genova. La sua esperienza politica attiva cominciò nel ruolo di consigliere comunale dal 1975 al 1980. Quindi l’esperienza da consigliere regionale ed anche l’incarico di assessore ai trasporti, cultura, sport e formazione professionale. Nel 1995 era passato in Forza Italia di cui fu capogruppo nel primo ciclo amministrativo, per poi ricoprire l’incarico di vicepresidente del Consiglio regionale dal 2000.