Quattro incontri con il grande jazz

Il Festival Internazionale del Jazz torna alla Spezia a partire da oggi. Quattro serate tutte ospitate dal Teatro Civico della Spezia, che organizza l'evento per conto e assieme al Comune della Spezia, alla Fondazione Carispe, all'Istituzione per i Servizi Culturali del Comune della Spezia e alla Società dei Concerti.
Nella serata di inaugurazione (ore 21) Paolo Fresu si esibirà col suo quintetto in coincidenza esatta con la data di uscita del nuovo Cd della formazione. Il gruppo di Fresu sta celebrando i suoi 20 anni di attività con un sontuoso progetto discografico per l'etichetta Blue Note: 5 dischi, ognuno contenente le composizioni di un membro del gruppo, da realizzare nel corso di un paio d'anni. Il 18 novembre uscirà il secondo disco della serie: P.A.R.T.E., contenente le composizioni di Attilio Zanchi.
Domani ecco l'altro astro italiano della tromba, Enrico Rava, alla testa di una versione davvero speciale del suo quintetto, da anni il gruppo più ammirato del jazz italiano. Il gruppo stabile di Rava sarà infatti impreziosito dalla presenza del sassofonista statunitense Mark Turner. Altro incontro al vertice domenica con due distinti omaggi alla musica di Thelonious Monk: di scena il pianista Franco D'Andrea e il batterista Ben Riley. Nella serata conclusiva, lunedì, Kenny Wheeler sarà il solista del gruppo dove spiccano anche Javier Girotto e Luciano Biondini, oltre agli arrangiamenti e la direzione di Paolo Silvestri.