Quattro milioni di euro per ritrovare Maddie

È la ricompensa offerta per la piccola inglese di 4 anni rapita in
Portogallo. Gara di solidarietà tra Vip per raccogliere il denaro. La più generosa è stata J.K. Rawlings, la scrittrice di "Harry Potter",
che ha messo sul piatto oltre due milioni di euro. Ma non c’è ancora
nessuna traccia

Londra - Due milioni e seicentomila sterline per ritrovare Maddie. Ha raggiunto una cifra da capogiro la ricompensa offerta da uomini d’affari e personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura e dello sport, a chiunque fosse in grado di offrire informazioni sulla scomparsa della piccola Madeleine Cann rapita nel sonno, dalla camera d’albergo del residence a Praia da Luz, nel Portogallo meridionale, dove stava trascorrendo una vacanza insieme ai genitori e ai due fratelli gemelli di un anno e mezzo. Sabato Maddie ha compiuto quattro anni e anziché preparare la classica torta con le candeline da spegnere i suoi poveri genitori straziati dal dolore hanno dovuto utilizzare l’occasione per lanciare l’ennesimo accorato appello.
La piccola risulta scomparsa ormai da undici giorni e le speranze di ritrovarla si fanno più deboli giorno dopo giorno. Il caso ha commosso l’opinione pubblica internazionale provocando una risposta massiccia alla raccolta di fondi per mettere una taglia lanciata dal settimanale britannico News of the World. Il primo a raccogliere l’appello è stato il magnate scozzese Stephen Winyard che già all’inizio della settimana ha messo a disposizione un milione di sterline. Altre sostanziosissime offerte sono poi arrivate dal proprietario della Virgin, sir Richard Branson, e dalla star del calcio del Manchester Wayne Rooney. E poi la scrittrice JK Rowling, divenuta miliardaria con la saga del maghetto Harry Potter, che ha offerto da sola un milione e mezzo di sterline. Una gara di solidarietà senza precedenti per un caso del genere.
Per ora la cifra messa a disposizione è dunque di quasi quattro milioni di euro, ma l’importo potrebbe aumentare ancora. Lo stesso giornale ha offerto 250mila sterline così come il proprietario della catena di moda Top Shop, sir Philip Green. «Mia moglie e io abbiamo dei figli – ha dichiarato ieri Green – e faremo senza esitazione qualsiasi cosa sia utile per aiutare a riportare a casa questa splendida piccola. In questo momento stiamo pregando per la salvezza di Madeleine e non riusciamo a immaginare che cosa stiano passando Kate e Gerry in questi giorni». «Qualunque iniziativa possa essere avviata per pubblicizzare la scomparsa di Maddie e aiutarci nelle sue ricerche è la benvenuta», ha dichiarato ieri evidentemente commosso Gerry McCann, il papà della bimba.
Più di 250 agenti continuano a lavorare al caso, tra le critiche per la gestione delle indagini. Pochi e confusi gli indizi e deboli le piste da seguire. Gli inquirenti hanno interrogato decine di persone, tra cui due uomini e una donna che qualcuno avrebbe visto in compagnia di una bambina somigliante a Maddie.
Per ora però nessuno è stato trattenuto. E c’è anche chi ritiene che la piccola non sia stata rapita nell’albergo e si trovi tutt’ora nella zona. Secondo l’ex investigatore di Scotland Yard John O’Connor, Maddie si sarebbe svegliata e sarebbe scesa in strada diretta al vicino supermercato dove qualcuno l’avrebbe avvicinata e portata via. «Invece di cercare nelle fattorie abbandonate – ha suggerito ieri O’Connor – la polizia dovrebbe perquisire tutte le abitazioni vicine perché la bimba potrebbe trovarsi non lontana da qui».