Quattro progetti per la ricerca e la solidarietà

Luigi Marini

Attraverso i suoi fondi etici, Aletti Gestielle, società di gestione del risparmio del gruppo Banco Popolare di Verona e Novara, ha sostenuto nel 2005 molte attività di associazioni ed enti benefici no profit per un totale di circa 170mila euro. I fondi etici di Aletti Gestielle Sgr nascono nel settembre 2002 e da allora l’ammontare complessivo destinato al sostegno di queste iniziative è stato di circa 500mila euro. I progetti finanziati nel 2005 sono quattro: «Medicina Umanitaria» (Bergamo), «Costruzione di una clinica a Timor Est» (Arcipelago Indonesiano), «Un acquedotto per la playa» (Ecuador) e «Nuovi farmaci e nuove strategie terapeutiche in onco-ematologia» (Milano). Il primo progetto coinvolge l’International School (IHS) di Bergamo, istituita nel 1993 dal professor Luciano Parenzan con l’obiettivo di formare medici specialisti delle patologie cardiache, provenienti da Paesi con gravi problemi economici e sanitari. La costruzione di una clinica a Timor Est è l’obbiettivo del secondo progetto coordinato dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, iniziativa che dà continuità alla collaborazione nata nel 2003 tra Aletti Gestielle Sgr e la Santa Sede. Il terzo progetto, coordinato dall’Associazione San Nicolas in Ecuador, prevede la realizzazione di un lungo acquedotto nella regione del Cotopaxi, dove la presenza vulcanica e la conseguente forte siccità costituiscono un grave problema per la comunità denominata «la playa». L’Associazione Malattie del Sangue è coordinatrice dell’iniziativa volta ad aiutare la ricerca medico-scientifica per favorire il progresso nella cura delle patologie ematiche.