Quattro serbi rubano da Kiton capi per 300mila euro: denunciati

Hanno sfondato la vetrina e, mentre l’allarme cominciava a suonare, hanno arraffato quello che potevano, comunque non poco: abiti da uomo per 330mila euro.
Ci vuole un bel coraggio a mettere a segno un colpo in una delle vie più sorvegliate del quadrilatero della moda, per la precisione di fronte all’hotel Four Seasons, ma tant’è: 4 serbi clandestini non ci hanno pensato due volte sabato, poco dopo la mezzanotte, a svaligiare il negozio d’abbigliamento maschile Kiton, nota sartoria del napoletano che veste anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Gli abiti messi in grossi sacchi e caricati in fretta e furia su un furgone e poi via, in via Nicola d’Apulia (zona stazione Centrale) a scaricare la merce in un anonimo appartamento.
I ladri serbi, però, non avevano fatto i conti con un curioso cittadino. Che notandoli scaricare quei sacchi a quell’ora ha deciso di vederci chiaro e ha avvertito i carabinieri. Sul posto (il furto non era stato ancora scoperto dai titolari del negozio) sono arrivati i militari del radiomobile. Che, trascorsa la fragranza, hanno potuto accusare i ladri solo di ricettazione. I quattro serbi finiti nei guai hanno rispettivamente 35, 30, 25 e 21 anni. I primi due hanno comunque già precedenti per reati contro il patrimonio.