Quattrocento ragazzi in gara al Terminillo

Sotto la spada di Damocle di una temperatura ancora troppo alta per una competizione di sci, si svolgerà al Terminillo, la famosa «Montagna di Roma» come Mussolini volle chiamarlo, la quinta edizione del Campionato Interappenninico di Sci Alpino - Trofeo Regione Lazio, manifestazione che metterà a confronto i migliori giovani, allievi e ragazzi, nati negli anni dal ’92 al ’95 per un totale di circa 400 ragazzi provenienti da tutte le regioni traversate dall’Appennino, dalla Liguria alla Sicilia. Alla presentazione hanno partecipato Silvio Marino, in rappresentanza dell’assessore allo Sport Giulia Rodano, Nicola Tropea, presidente del Comitato Laziale della Fisi, Enzo Ciarrapano e Maurizio Moltoni del Comitato organizzatore delle gare dello slalom, slalom gigante e super G che saranno le prove della manifestazione. La manifestazione sciistica si svolgerà sulle piste Giusti e Cinzano Terminillo e avrà un motivo di più per sfruttare l’opportunità di mostrare a chi viene da fuori le bellezze naturali, culturali e le tradizioni del Reatino e zone limitrofe. Per questo fondamentale è stato il contributo della Provincia e Comune di Rieti, dei Beni Civici di Vazia e della società Funivia e impianti del Terminillo.
Sabato scorso, invece, organizzata dallo Sci Club Les Châteaux di Rocca Priora, in collaborazione con l’ambasciata della Repubblica di Slovacchia si è disputata sulle nevi di Monte Livata la IV edizione della Discesa della Pace. In uno slalom anomalo e tutto particolare a destreggiarsi sono stati i diplomatici e i dipendenti delle Ambasciate e dei Consolati della capitale. «È stata una giornata di sport, di neve, di simpatia.