«Quei due non meritano il centro della capitale»

Sdegno e ferma condanna sono stati espressi dai rappresentanti della politica romana nei confronti degli autori delle minacce a Laura e Ruth Piperno. Ieri pomeriggio in Campidoglio il delegato del sindaco per il centro storico, Dino Gasperini, ha convocato un vertice con la famiglia insultata, i responsabili del I municipio, la municipale e l’avvocatura del Comune per far piena luce sull’accaduto e prendere i provvedimenti necessari.
«Visto quanto successo e l’atteggiamento arrogante - ha promesso Gianni Alemanno - studieremo tutti i mezzi giuridici per allontanare queste persone da Campo de’ Fiori, perché probabilmente non hanno il diritto giuridico di rimanerci ma sicuramente non hanno la dignità culturale e sociale di stare in una realtà centrale di Roma».
«È una vicenda triste, un gesto assolutamente da condannare - ha fatto eco l’assessore al Commercio del Comune, Davide Bordoni -. Da parte mia, chiederò di passare al più presto una verifica amministrativa delle posizioni di chi lavora al mercato. Nonostante ciò, la persona poteva essere anche iper-regolare, questo non avrebbe cambiato nulla: è una questione di cultura». Di «aggressione vergognosa» ha parlato invece il vicepresidente della Regione Esterino Montino. «Di fronte ad atti di stampo antisemita penso si possa rispondere solo in un modo - ha detto - isolando i colpevoli».
Grande solidarietà alla comunità ebraica e ai commercianti è stata espressa anche dal consigliere regionale Giovanni Carapella: «Tali episodi segnalano un degrado civile insopportabile che va tamponato con fermezza e urgenza per scongiurare pericolose derive». «All’offesa subita - ha sottolineato il presidente della Provincia Nicola Zingaretti - si aggiunge lo sgomento provocato dalle dichiarazioni di molti commercianti, che affermano di voler lasciare la zona e le attività di cui si occupano da decenni». Per Cesare Pambianchi, presidente della Confcommercio di Roma, che ieri ha sentito il presidente della Comunità ebraica Riccardo Pacifici, serve una punizione severa. «Mi auguro che siano presi al più presto seri provvedimenti per punire il responsabile di questo atto vergognoso - ha detto - e per ripristinare quell’indispensabile clima di sicurezza». Anche l’associazione abitanti centro storico chiede di riportare legalità e trasparenza a Campo de’Fiori.