Quei quattro insospettabili maghi del furto

I Rothschild ripuliti
dal maestro libraio
Era stato ingaggiato per catalogare la biblioteca della celebre famiglia di finanzieri Rothschild e inserire i libri in un software, ma in quattro anni di lavoro il noto libraio David Slade ha rubato volumi preziosi per circa 230.000 sterline per rivenderli a una casa d’aste. É stato condannato a due anni e quattro mesi.
Il misterioso pirata
che ha saccheggiò Madrid
Sono spariti dalla dalla biblioteca del ministero degli Esteri spagnolo di Madrid e nessuno sa che fine abbiano fatto. Più di 300 libri di altissimo valore storico ed economico, manuali in spagnolo, italiano e inglese risalenti al XVI, XVII e XVIII secolo, carte di navigazione preziosissime, tutte finite al mercato nero. Il colpevole? La poca sorveglianza.
Il Tomb Raiders britannico
rivendeva tesori su internet
Saccheggiava da tempo la biblioteca di Manchester nella quale lavorava come bibliotecario. Normann Buckley, soprannominato dalla polizia che lo ha arrestato Tomb Raider, s'era specializzato nel furto di manoscritti antichi di grande valore che poi rivendeva su E-bay. A casa sua c’erano 445 manoscritti antichi, valore 175mila sterline.
Il super miliardario iraniano
che colpiva con il taglierino
Ma il caso più eclatante degli ultimi anni è quello di Farhad Hakimzadeh, 60 anni, facoltoso uomo d'affari di origine iraniana con passaporto britannico, finito dietro le sbarre per aver mutilato armato di taglierino almeno 150 libri della British Library di Londra e della Bodleian Library di Oxford, portandosi a casa centinaia pagine, con danni incalcolabili ai rarissimi volumi. È finito sotto processo.