Quei sette operai arsi vivi a Torino

All’alba del 6 dicembre dell’anno scorso nell’acciaieria torinese della ThyssenKrupp si sviluppa un incendio che investe un gruppo di operai sette dei quali perderanno la vita. Muore subito Antonio Schiavone, di 36 anni, e nei giorni successivi muoiono Roberto Scola (23), Angelo Laurino (43), Bruno Santino (26) Rocco Marzo (54), Rosario Rodinò (26) e Giuseppe Demasi (26). Cinque anni prima in quella che era stata definita «la fabbrica dei ragazzi» perché il 95% dei 180 dipendenti aveva meno di 30 anni si era sviluppato un incendio che era stato domato soltanto dopo tre giorni.