Quel blitz contro i falsi invalidi? «Sotto torchio» solo due nonnine

Il Comune ha annunciato la linea dura contro i falsi invalidi e ha «messo sotto» il suo esercito di ghisa. E fa bene, ci mancherebbe, visto che in città i furbetti del pass sono davvero parecchi. Così nei giorni scorsi i vigili hanno smascherato una donna che aveva fotocopiato un permesso e aveva posteggiato dove non avrebbe dovuto. Multa e denuncia, tutto perfetto. Un blitz in piena regola, con cinque auto dei vigili che hanno accerchiato il palazzo della signora che è stata interrogata e alla fine ha vuotato il sacco. «Si ho fatto una fotocopia - ha ammesso - Ho copiato il pass di una mia amica...». Beccata. E beccata anche la «complice» che aveva passato il documento da duplicare. Tutto ineccepibile ma forse un po’ troppo. Già, perché le due «truffatrici» altro non sono che due tranquille signore di 84 e 92 anni che spesso girano insieme in auto. Nessuna scusa. E non vale neppure la giustificazione che la fotocopia è stata fatta per il timore di smarrire l’originale. Ma senza esagerare. Non erano certo Thelma & Luise.