Quel comma nascosto nel 5 per mille

Il 5 per mille è un’innovazione del governo Berlusconi a sostegno del volontariato che permette di destinare parte dell’Irpef ad un organismo di propria scelta. Questo strumento però è stato duramente colpito dal governo Prodi. Nella Finanziaria è stata infatti aggiunta una norma che è una vera e propria presa in giro per chi fa la donazione. Se si considera infatti che la potenzialità del 5 per mille è di 750 milioni di euro (il 5 per mille dell’intero gettito Irpef) e che il comma 1237 recita «totalizzata la spesa nel limite di 250milioni di euro» è presto spiegato che la propria donazione è fin dall’inizio decurtata di quasi il 70%. Se per esempio decido di donare il mio 5 per mille alla Lega Tumori e calcolo che vale 100 euro, a questa associazione ne arriveranno solo 30 proprio perché quel comma limita la spesa al 30% del possibile.