Quel «folklore» domenicale del Lingotto

«Un Paese con regole folkloristicamente locali». Così l’ad di Fiat, Sergio Marchionne, aveva bollato la decisione del Tribunale di Roma sull’obbligo di reintegro a Pomigliano di 145 operai iscritti alla Fiom. Eppure un po’ di «folklore locale» c’è anche in casa del Lingotto. Perché è difficile definire altrimenti la scelta di comunicare al mercato la chiusura di cinque stabilimenti Iveco in Europa -benché anticipata da settimane - con conseguente riduzione del personale di un migliaio di unità, intorno alle 20 di domenica 1 luglio, poco prima dell’inizio della finale di Euro 2012. Con i quotidiani «distratti» dalla partita era inevitabile che la notizia non avesse grande risalto. Eppure c’era stato tutto un sabato a disposizione per interagire con mercato e media, se proprio non si voleva farlo a Borse aperte. Chissà cosa ne pensa la Consob.