Quel giapponese «folgorato» da Pininfarina

L’ad Gamberale convocato dall’Anas in audizione per venerdì 28

da Milano

«Avevo solo sette anni quando, vedendo sfrecciare una Lancia Pininfarina, rimasi abbagliato. E subito pensai che in futuro avrei dovuto fare qualcosa di simile. Sempre da bambino un’altra vettura stuzzicò le mie fantasie: una Citroën Dx 19. Ora, se dovessi progettare la vera macchina dei miei sogni, non avrei dubbi: sarebbe quel modello che combina tutto ciò che è tecnologico di una Citroën insieme alla bellezza di un oggetto nato dalla matita di Pininfarina».
C’è molto della scuola italiana nella creatività di Wahei Hirai, 57 anni, ingegnere, capo del design di Toyota, il gruppo aumobilistico ormai prossimo a strappare alla General Motors la leadership mondiale.
In Italia per partecipare nei giorni scorsi ad alcuni incontri, Hirai ha spiegato la filosofia del colosso giapponese nel momento in cui si pongono le basi per la realizzazione di un nuovo modello. «In questo senso - afferma il designer giapponese - la clientela italiana rappresenta un importante punto di riferimento. Qui, infatti, da sempre l’automobilista è molto esigente in fatto di stile. Gli italiani non hanno pregiudizi: guardano soprattutto all’armonia tra stile e funzionalità. Non è un caso che all’interno del Centro design europeo della Toyota, a Nizza, lavorano due italiani. Uno di essi, tra l’altro, ha designato una delle nostre vetture». Il principio alla base del design Toyota è racchiuso in due parole: «Vibrant clarity». In pratica, dice Hirai, «il nostro design dev’essere contemporaneamente d’avanguardia e tecnologicamente avanzato. Alla geometria, inoltre, lasciamo piena libertà di forme. È da questi concetti che nascono le nuove vetture del gruppo». Tra Italia e Giappone esiste un feeling particolare nel campo del design. Alla Pininfarina, per esempio, direttore del design è un maestro dagli occhi a mandorla, Ken Okuyama. «Non mi stupisco di ciò - conclude Hirai -, ad accomunare giapponesi e italiani è la visione di un design fresco e mai pasticciato».