«Quel paladino della legalità solo a parole»

«Ahimé, signor Fini, sono sempre stata una sua elettrice. Ma la vicenda della casa di Montecarlo è la dimostrazione di come sia assolutamente inopportuno che un politico (e mi meraviglio di lei che non è certo “di primo pelo” nel settore) faccia del moralismo a basso prezzo verso gli altri quando poi nel proprio orticello è immerso in affari che non sono propriamente puliti ed eticamente ineccepibili. Suvvia, un po’ di dignità non farebbe male…»

«Molte le ragioni per cui Fini dovrebbe dimettersi: 1) il suo atteggiamento è in contrasto con la volontà degli elettori che lo hanno eletto; 2) è in grado di disturbare notevolmente l’attività di governo per non risolvere i problemi, e alla fine della legislatura accusare con l’opposizione, il Pdl di non aver fatto nulla; 3) nella storia della presidenza della Camera non esiste uno al suo pari, una carica istituzionale che abbia agito politicamente e che abbia criticato le azioni di governo. Troppo comodo predicare bene e razzolare male!»
Pierangelo Riva

«Aderisco alla campagna per mandare via il voltagabbana che prima si è servito di Berlusconi per salire sul podio... E poi quando, grazie solo a Berlusconi è riuscito ad arrivarci, ha pensato bene di provare ad affondarlo! Povero illuso..»
Mikole Di Lecce

«L’immenso merito del Giornale è di aver stanato uno spocchioso doppiogiochista paladino della legalità a chiacchiere e “zanza” dei beni del partito nei fatti. Chi può essere tanto allocco da votare ancora un essere così, che mente sapendo di mentire ai cittadini elettori? Così come devono sparire dalla scena politica i suoi prezzolati giannizzeri in malafede che continuano a difenderlo e seguirlo sulla strada del suicidio politico».
Mario Cagliari

«Sostengo pienamente l’iniziativa del Giornale. Fini non è degno di sedere sullo scranno più alto di Montecitorio, messo lì dal Pdl: si è sempre pure sentito a disagio a partecipare alle manifestazioni del partito. Ha trasformato il seggio più alto di Montecitorio nella sede di un capo-corrente».
Nicolino Vettraino

«È una vergogna per gli italiani e per il governo che un burattino rivesta una importante carica dello Stato e si faccia passare per moralista mentre dona la disponibilità di una casa lasciata in eredità ad An al fratello della sua convivente».
Edith Risnyovszky

«L’attuale Presidente della Camera ha tradito tutti gli elettori del centrodestra! Ha ragione l’On. Bossi quando dice che il Cavaliere ha avuto fin troppa pazienza: andiamo a nuove elezioni e vedremo che giusta fine faranno i traditori».
Salvatore Serra