Quell’aiuto di Ing a favore di ML

L’ingresso delle banche nel capitale della Fiat, avvenuto con la conversione del prestito il 20 settembre, è stato formalizzato con le comunicazioni alla Consob. Lo si è appreso dal sito dell’Autorità che vigila sulla Borsa. Emerge qualche dettaglio importante. Si legge che Merrill Lynch il 15 settembre ha incrementato la propria quota Fiat al 10,122% dal precedente 2,106%. Lo stesso giorno Ing Groep ha ridotto invece la sua quota sotto il 2% (presumibilmente ha dunque azzerato la sua partecipazione) dal precedente 3,154%. Cinque giorni dopo, per effetto dell’operazione di equity swap con Exor e Ifil, la banca d’affari Merrill Lynch ha nuovamente ridotto la sua partecipazione entro il 2 per cento. Si evince dunque che Ing Groep sia stata uno dei veicoli che ha permesso a Merrill Lynch di realizzare l’operazione, senza dover comunicare al mercato l’incremento delle sue quote. Exor si è rivolta a Merrill che si è fatta aiutare da Ing.