Quell’esperto dell’Onu che odia la Bossi-Fini

Di Jovanotti (nella foto) non si fidano per niente. Specie dopo che uno dei suoi successi, «Mi fido di te», è stato utilizzato dal Pd nella campagna elettorale per le Politiche. E loro, ad Agropoli, comune in provincia di Salerno retto dal centrosinistra, uno che fa politica così non lo vogliono. Di qui la mobilitazione di alcuni cittadini, che hanno già raccolto oltre cento firme per chiedere che il concerto, previsto il 14 agosto, venga annullato. La petizione paventa rischi per l’ordine pubblico. Ma le vere ragioni le spiega Sergio Vessicchio, presidente del comitato anti-Jovanotti e membro del locale direttivo di Fi: «Jovanotti usa il suo ruolo per fare politica attiva. Le sue simpatie alla sinistra italiana sono note a tutti. No, non lo vogliamo. Nessuno mette in dubbio le sue qualità artistiche, ma esse vengono strumentalizzate a vantaggio di una forza politica, è inammissibile».