In quelle «Lettere cinesi» la voglia di sentirsi a casa

«Non c’è bisogno di andare all’estero per sentirsi stranieri. Lo si può benissimo essere anche a casa propria. Quando non ci troviamo bene in un’altra parte del mondo ce la prendiamo con il nostro esilio, consolandoci con i ricordi della patria, purificati e resi più belli dall’immaginazione, dalla distanza e dal tempo trascorso. Però, quando si è stranieri a casa propria, non ci sono luoghi dove ci si possa rifugiare». Si legge così a pagina 25 del libro Le Lettere Cinesi di Ying Chen (Voland, pp.144, euro 10), nata a Shanghai nel 1961 e trasferita a Montreal nel 1989. Sono storie di esistenze che si collegano e si allontanano attraverso le lettere, tre storie che sono poi una sola: Sassa e Yuan, che si amano ma sono separati dalla distanza fisica e mentale. Lui, emigrato in Canada, che abbraccia sempre di più la cultura occidentale; lei, Sassa, legata alle tradizioni del suo Paese, che esita a partire e rifiuta di vedere nell’esilio la soluzione dei suoi problemi. Moderna storia di identità in movimento, dove passato e presente s’intrecciano con ritmo poetico e toccante.