Quelle «talpe» italiane che spiano L’Economist

Complimenti a Giacomo Passero per la serie di articoli su 3° Valico, Economist e Liguria. Diciamolo chiaro: certi articoli dell'Economist sono preparati in Italia, tradotti ed inviati in Inghilterra per la pubblicazione. Ovviamente le italiche talpe di via Solferino e di via Monterosa hanno già l'anteprima e cominciano i loro articoli. Oggi nessuno più ne parla non perché l'Economist non scriva ma perché «qualcuno» non avrà rinnovato l'abbonamento per ridurre i costi in redazione. Ma che se la raccontino tra di loro questi «Guru» autoreferenzianti che fanno un po’ di hardware perché il software è fatto da «altri» che stanno dietro le quinte ma sono anche gli azionisti dei media Indipendenti.