Quentin Tarantino agli aspiranti registi: non andate a scuola ma fate gli attori

Tornato a Cannes dodici mesi dopo il divertissement di Grindhouse, Quentin Tarantino, il più amato regista americano di questa generazione «stampa la verità» raccontando i suoi esordi nell’attesissima «Lezione di Cinema» di quest’anno. «È vero - dice - che da ragazzo lavoravo in un video store e ne ho approfittato per divorare cinema a tutte le ore. Ma non bastava questo per diventare regista e come tutti ho fatto la gavetta. Anzi, ne approfitto per dare un consiglio a tutti i futuri registi in questa sala, dicendo loro che è inutile buttare tanti soldi per frequentare costose scuole di regia. Meglio, molto meglio trovare una scrittura da attore e cominciare da lì. Quando sarete su un set dovrete lavorare con gli attori e avrete la responsabilità collettiva sulle spalle».