«Questa non fa ridere, la Finanza ora esagera»

Ma come, Massimo Boldi, anche lei è un evasore fiscale?
«Macché evasore e evasore, io ho sempre pagato le tasse regolarmente».
Scusi, allora come è venuta fuori questa storia della barca fuorilegge?
«Non lo so nemmeno io. Mi sembra incredibile, io sono un attore, un libero professionista, mica un industriale, un salumiere o un gioielliere. Che motivo avrei di fregare il Fisco?».
Dunque la Guardia di finanza ha preso un abbaglio?
«Grossissimo. Per carità, i finanzieri fanno il loro lavoro, ma a volte esagerano. Il nome di un personaggio popolare, come possiamo essere io o Vasco fa più impressione».
Senta Boldi, lei dove si trova in questo momento?
«In vacanza alle Eolie».
Sulla barca incriminata?
«Proprio quella. Sono trent'anni che d'estate vado in barca, non sarà mica un reato, visto che le tasse le ho sempre pagate fino all'ultima lira?».
Quindi non torna casa, ovvero non abbandona la nave?
«Neanche per idea. A Milano tornerò tra una settimana, alla fine delle vacanze. Per vivere devo lavorare, io».
Concludendo, se l'è presa o si è fatto una risata delle sue?
«Stavolta non ho riso proprio per niente. Su certe cose non si scherza».