QUI LAZIO Rocchi: «Di loro non mi fido»

In casa Lazio la tentazione tridente è sempre più forte. Delio Rossi lo ha provato, lo Za-Pa-Ro potrebbe finalmente vedere la luce nella serata del derby. «È una soluzione possibile - ha ammesso Rocchi che in tal caso giocherebbe con Pandev e Rocchi -. Non è stato ancora deciso, ma è chiaro che avendo un potenziale importante si può sfruttare. Sappiamo le difficoltà di mantenere certi equilibri, ma siamo pure pronti per una partita così. Se giocheremo con le tre punte cercheremo di sacrificarci per gli equilibri della squadra». In fondo, è già successo lo scorso anno, quando al posto di Zarate c’era Bianchi e arrivò il successo al 92’ con il gol di Behrami.
Tommaso Rocchi non si fida della Roma («è una delle migliori squadre del campionato nonostante sia in una situazione difficile») e conosce le insidie di un derby. Nel quale ha già segnato quattro gol, due in meno di Piola. «Non mi aspettavo un vantaggio del genere ma eravamo convinti di voler ripartire bene dopo l’ultima sofferta stagione. Ora c’è il derby e conta solo la partita, non quello che è successo in passato».
Ieri il maltempo ha fatto saltare l’amichevole, dunque solo partitella in famiglia nella quale Delio Rossi ha mischiato le carte. I dubbi in attacco rimarranno sino all’ultimo mentre difesa e centrocampo sembrano già certi: il portiere Carrizo dovrebbe avere davanti Lichtsteiner, Siviglia, Rozenhal e Radu, con una mediana robusta composta da Brocchi, Ledesma e Dabo. Che lascia quindi presagire un tridente pesante e il sacrificio di Foggia.