QUI LAZIO Per sei giocatori sarà il «battesimo»

Delio Rossi punta sull’incoscienza degli esordienti. Sono ben sei i giocatori che domenica sera giocheranno per la prima volta il derby: si tratta del portiere Carrizo, dei difensori Lichsteiner, Radu e Rozehnal, del centrocampista Brocchi (che però non è sicuro di farcela) e dell’attaccante Zarate. Il meno preoccupato dovrebbe essere Carrizo, che ha già vissuto quello che forse è il derby più caldo del mondo, River Plate-Boca Juniors, con la maglia dei primi. Anche Radu ha conosciuto in patria il derby, tra Steaua e Dinamo, mentre Rozehnal è un giramondo che non si emozionerà di certo per la sfida di domenica. Lichtsteiner, che ha tolto il posto sulla fascia destra al romano De Silvestri, ha partecipato in Francia col Lilla al derby del nord contro il Lens. Brocchi, l’unico italiano del drappello, ha vissuto già il derby milanese: il centrocampista però non si è allenato nel pomeriggio di ieri col resto del gruppo per un leggero risentimento all’adduttore della gamba sinistra. n quella di Milano. Naturalmente l’esordiente più atteso è quel Mauro Zarate che, con Milito, è la vera sorpresa di questo avvio di stagione. E i tifosi biancocelesti sperano in uno dei suoi lampi per dare l’ennesimo dolore ai derelitti cugini. Di certo, il puntero argentino dovrà almeno tentare di cancellare il brutto ricordo dell’ultimo derby disputato in carriera: lo scorso 20 aprile, infatti, Maurito indossava ancora la casacca del Birmingham City e, nel second city derby contro l’Aston Villa, abbandonò il terreno di gioco al 58’ sul 4-0 per i Villans. La partita alla fine si concluse con un secco 5-1. Un risultato che sulla ruota di Roma è già uscito nel febbraio 2002. E che Rossi, affidandosi agli esordienti, spera di non dover subire. Il settimo e possibile esordiente, Matuzalem, è invece fuori causa e dovrà attendere il ritorno per debuttare nel derby capitolino.