Qui visse. A scrocco

La decisione di apporre una targa davanti agli uffici che furono di Bettino Craxi ­ Piazza Duomo 19 ­ ha registrato le vive proteste di Antonio Di Pietro. Sicché si propone una targa anche per lui. Seguono opzioni. 1) Qui, a Milano, in via Andegari 18, dietro Piazza della Scala, visse Antonio Di Pietro: l’appartamento, saltando ogni graduatoria, gli fu concesso in equo canone a 234mila lire il mese con l’avallo dell’inquisito socialista Sergio Radaelli; in tale sito, contro ogni regola, in ogni caso, Di Pietro piazzò il figlio; 2) Qui, a Milano, in via Agnello, visse Antonio Di Pietro: la garçonnière gli fu concessa a titolo gratuito dall’inquisito Antonio D’Adamo; 3) Qui, a Curno, provincia di Bergamo, visse Antonio Di Pietro: i soldi per comprare l’appartamento, in contanti e mai passati per banca, furono per così dire prestati dall’inquisito Giancarlo Gorrini; 4) Qui, a Roma, in questa suite del Residence Mayfair, dietro Via Veneto, visse Antonio Di Pietro: pagava il succitato D’Adamo.
Circa una definizione del Di Pietro, altre due opzioni: a) Il magistrato che voleva fare politica; 2) il politico che voleva fare il magistrato.

Annunci

Altri articoli