Quindicenne si risveglia dal coma e dice: "Voglio Del Piero"

Gerry Tanieli, il ragazzo di Casarano travolto da un'auto il 21 luglio scorso
a Casarano (Lecce), un mese dopo l'incidente, il 25
agosto, avrebbe dovuto coronare il suo sogno, presentandosi a
Torino dov'era stato convocato per il raduno delle formazioni
giovanili della Juventus

Lecce - Si è risvegliato dal coma e già comincia a calciare timidamente il pallone Gerry Tanieli, il quindicenne di Casarano travolto da un'auto il 21 luglio scorso a Casarano (Lecce). Il giovane, un mese dopo l'incidente, il 25 agosto, avrebbe dovuto coronare il suo sogno, presentandosi a Torino dov'era stato convocato per il raduno delle formazioni giovanili della Juventus, la sua squadra del cuore.

Dopo circa due mesi trascorsi in coma vigile in una clinica di Lecce, Gerry si è risvegliato, ha chiesto alla mamma di "poter mangiare qualcosa" e un pallone "per poterlo calciare". Poi ha chiesto di Alex Del Piero, il suo idolo, a cui la mamma di Gerry, Teresa Torsello, aveva scritto una lettera nel luglio scorso chiedendogli di venire a far visita al figlio perché la sua presenza avrebbe potuto aiutarlo a riprendere conoscenza. La donna aveva chiesto al calciatore un gesto da campione del mondo. Del Piero però non si è presentato, ma Gerry lo aspetta ancora.

Della vicenda del risveglio del giovane parla il tg dell'emittente pugliese Telenorba, che ha intervistato il calciatore quindicenne. A trasmettere a Gerry la passione per il calcio e per la Juve era stato il padre, morto quattro anni fa. Da quel momento Teresa Torsello ha deciso di aiutare il figlio a inseguire il suo sogno di diventare un calciatore e di indossare la casacca bianconera, accompagnandolo nei suoi impegni calcistici.