Quindici anni dopo la Samp ritrova Goteborg

Emmanule Gerboni

Stadio Ullevi, Goteborg. L'Europa blucerchiata passa ancora da qui. E basta solo quel ricordo per sognare un'altra notte tutta a colori. Come quella di quindici anni fa, quando la Samp salì sul gradino più alto del podio e tanti saluti all'Anderlecht che stava al piano di sotto. Coppa delle Coppe, un diamante incastonato nella bacheca blucerchiata. Vai con il replay, domani c 'è da rifare il bis con gli svedesi dell'Halmstad (che hanno perso il loro pezzo pregiato per un mese e mezzo, l'islandese Gunnar Heidar Thorvaldsson che è seguito anche da diversi club inglesi). C'è posto per tutti, o quasi, nell'aereo blucerchiato che decollerà questa mattina dal Cristoforo Colombo. Walter Novellino ha convocato tutti i giocatori, a parte gli infortunati Bazzani, Palombo e il giovane Mingozzi (sempre più vicino al Bologna). Oggi non ci sarà, invece, il presidente Riccardo Garrone che potrebbe disertare la seconda trasferta europea della Samp dopo quella di Setubal. Di certo, non partirà con il charter che accompagnerà la squadra in Svezia. Dove ci sarà spazio sicuramente per Samuele Dalla Bona, una certezza in questa Samp che deve ancora scoprire il suo mosaico.
Ci sono ancora tante figurine da incollare nello schieramento iniziale. Se dici Dalla Bona, però, si va sul sicuro. Sarà lui a sostituire l'infortunato Palombo: «Cerco sempre di farmi trovare pronto quando vengo chiamato in causa, comunque nessun problema. Sapevo benissimo che la forza di questa squadra è proprio il collettivo». Il centrocampista doriano parla, poi, dei prossimi avversari. Che tutti immaginano con il freno a mano tirato per una classifica che piange, ma, poi, scopri che la verità è un'altra: «Troveremo un ambiente difficile, non penso che saranno fuori forma. Anzi, credo che potremo avere dei problemi perché loro non hanno nulla da perdere. Comunque, vogliamo andare là per ottenere il bottino pieno, sappiamo che è una tappa importantissima per noi». E la Samp vuole regalare la vittoria anche ad una tifosa illustre: la signora Maria Conti che oggi compie 100 anni. E’ una tifosissima blucerchiata e vicino alla torta ha già provveduto a riporre la nuova maglia che la Sampdoria le ha regalato per il compleanno. Domani magari arriverà anche una bella vittoria europea.