Quindici milioni di italiani vittime della «malattia silente»

Non dà sintomi eclatanti e per questo viene chiamata dagli esperti «la malattia silente». È l'ipertensione, un disturbo che porta allo sviluppo di patologie cardiovascolari, diabete e infarto. Colpisce il 25% degli italiani, circa 15 milioni di persone, con una percentuale che aumenta all'80% se si considerano gli over 65. Ma ogni anno sono solo nove milioni quelli che si sottopongono a visite specialistiche. E di questi solo uno su sei, cioè poco più 1 milione e mezzo, segue le cure che vengono prescritte. Sono questi i «numeri» presi in esame da oltre 450 specialisti dei principali centri di eccellenza nazionali, riuniti in convegno all'Auditorium del Parco della Musica di Roma. «Ogni anno - spiega il dottor Giuseppe Mancia - i pazienti con ipertensione più o meno grave che si presentano ai centri specializzati sono quasi nove milioni».