"Quote latte assegnate a 20mila aziende"

Il ministro Zaia: "Questo dimostra
che non è stato un provvedimento per pochi come molti volevano lasciare intendere, dicendo bugie. Sarà ora difficile andare da un allevatore su due a dire che abbiamo
raccontato una bugia"

Roma - Sono ben 20.000 le aziende a cui saranno assegnate le quote latte: la comunicazione è arrivata in una lettera spedita dal ministero delle politiche agricole alle 40.000 aziende del comparto. «Questo dimostra che non è stato un provvedimento per pochi come molti volevano lasciare intendere, dicendo bugie - osserva il ministro Luca Zaia - Sarà ora difficile andare da un allevatore su due a dire che abbiamo raccontato una bugia. Eppure, si è scritto che Zaia avrebbe dato quote a 150-200 aziende agricole». «Con questa lettera - aggiunge Zaia - ho voluto fare chiarezza sulle tante bugie raccontate, oltre a dimostrare che non è un provvedimento per pochi ribadisce che non è stata una sanatoria, prevede infatti di andare a incassare l’ultima parte residuale di multa su 8.404 aziende che ammonta a un miliardo 671 milioni e lo incassiamo oltretutto al 7% di interessi. Sottolineo che spesso chi protestava aveva rateizzato la sua multa a interessi zero nel 2003». «E nella lettera - conclude Zaia - si ribadisce anche che non è vero che non abbiamo pensato a chi si è indebitato comprando le quote: diamo infatti la possibilità di ristrutturare i debiti per l’importante cifra di 585 milioni di euro».