Quote latte Il decreto si fonde con le misure sugli incentivi auto

Un maxi-emendamento che comprenda sia il testo votato dalle commissioni, con alcuni ritocchi e qualche possibile novità, sia le misure sulle quote latte: sembra questa la forma che assumerà il decreto legge con gli incentivi per l’auto e su cui verrà posta la fiducia. Dopo lo stallo nell’aula della Camera sul decreto legge per le quote latte, la maggioranza ha deciso di superare l’ostacolo inglobando (con tutta probabilità senza la parte che rimette in gioco i furbetti del latte) questo provvedimento nel decreto sugli incentivi. Le novità arriveranno con un maxi-emendamento atteso per stamane. Poi passerà all’aula, dove la richiesta di fiducia è prevista intorno alle 10. La Lega parla di «fusione» dei due decreti e punta a mantenere nel maxi-emendamento la rateizzazione delle multe, il fondo di garanzia e la questione dei contributi Scau. L’opposizione, con l’Udc e l’Idv, protesta. Il decreto legge con gli incentivi deve essere convertito in legge entro il 12 aprile e deve passare ancora la seconda lettura al senato. Da oggi scatta intanto l’aumento del 5% delle quote latte in Italia, negoziato nel novembre scorso dal ministro per le Politiche agricole e alimentari Luca Zaia, al termine di una lunga maratona ministeriale che ha portato a una revisione della politica agricola europea.