Racchette in bianco e nero

Al Park Tennis Club di via Zara, con un'eccezionale partecipazione, il maestro Franco Pongiluppi e il giornalista Emilio Casareto hanno presentato, edito dal «Lo sprint» il loro lavoro di ricerca intitolato «Tennis in fotografia-Volti noti e meno noti di quando in Liguria giocavamo con le racchette di legno». Sono 124 pagine che scorrono veloci e ci riportano un panorama tennistico dagli albori del ventesimo secolo fino al 1976, perché, come chiarisce la prefazione di Casareto, quello fu l'anno del clamoroso successo del tennis italiano a livello mediatico e di espansione grazie alle vittorie di Adriano Panatta agli internazionali di Roma e Parigi e alla Coppa Davis vinta dagli azzurri di Nicola Pietrangeli. Franco Pongiluppi, 2° categoria a 18 anni, lascia presto l'attività agonistica per dedicarsi all'insegnamento del tennis; vive la nascita del centro addestramento al tennis, privilegiato dalla presenza di Ido Alberton e può dar sfogo alla sua immensa passione per lo sport della racchetta impersonando alla grande la figura del missionario sempre pronto alle richieste dei suoi molti allievi. E il missionario ha bussato a numerose porte dei circoli da Bordighera fino a La Spezia, a quelle degli amici e degli allievi ed è riuscito a raccogliere immagini, un vero «amarcord» in bianco e nero del tennis ligure. Foto che coinvolgono anche personaggi ben noti in altre vesti nel momento che incontrano il mondo della racchetta. Qualche esempio? La visita della principessa Maria Josè al Tennis Genova ricevuta dal presidente Beppe Croce, l'attore Renato Rascel sui campi di Valletta Cambiaso e con lui il mitico Bernardini allenatore della Sampdoria e della nazionale azzurra di calcio e ottimo tennista. E poi ancora le prime tenniste che dovevano faticare un bel po’ con il pesante abbigliamento ben poco sportivo, gli assi internazionali impegnati in Liguria nei molti tornei e, al Tc Genova, negli incontri di coppa Davis degli anni trenta. Ma il libro di Pongiluppi e Casareto è ricchissimo di tante foto di tutti quelli che nel tennis ci hanno vissuto e ancor oggi continuano a farlo sostenuti da una passione infinita.