Raccolta di firme per ridurre l’Ici

È cominciato dal XVI Municipio la campagna di Alleanza Nazionale per abbattere al minimo l’odiata tassa sulla prima casa. Il primo atto si è consumato ieri a via della Pisana con l’inizio della raccolta di firme per presentare all’amministrazione capitolina una proposta di delibera di iniziativa popolare per l’applicazione dell’aliquota minima dell’Ici sulla prima casa.
«Non ci aspettavamo un risultato tanto soddisfacente nel primo giorno di raccolta delle firme - hanno commentato con soddisfazione Fabrizio Santori, Marisa Barbieri e Bruno D’Ambrogio - in poche ore abbiamo raccolto quasi 400 firme e pensiamo almeno di quadruplicarle nei prossimi appuntamenti. È evidente da questo primo impegno che la grande partecipazione dei cittadini dimostra come le famiglie romane siano stanche di essere vessate da tasse che vanno a colpire il sacrificio di anni di lavoro e in particolare per la prima casa, che costituisce un bene primario, è venuto il momento di alleggerire il peso delle politiche fiscali del Comune. Il nostro obiettivo è corredare la proposta di delibera con 5mila firme entro 3 mesi e in tutta la città ma stiamo accelerando il nostro impegno affinché questa raccolta approdi in tutte le piazze del municipio dai Colli Portuensi a Monteverde Nuovo a piazza Rosolino Pilo a Monteverde Vecchio, da largo Guidi a Bravetta a piazza San Giovanni di Dio, da Porta Portese a Massimina, attraverso l’ausilio dei circoli di An».