Raccolta in rosso per 1,25 miliardi a gennaio

Inizio d'anno negativo per i fondi comuni: la raccolta in gennaio - secondo i dati definitivi di Assogestioni - è risultata infatti negativa per oltre 1,25 miliardi di euro, a fronte di un patrimonio in crescita ad oltre 586.899 milioni di euro (più 584.546,5 milioni rispetto a dicembre 2005).
«A gennaio si conferma l'andamento di dicembre, che vedeva una progressiva uscita dai fondi di liquidità e dagli obbligazionari in favore dei fondi flessibili, bilanciati e azionari», rileva Assogestioni, mettendo in evidenza che la raccolta dei flessibili, i prodotti preferiti dai risparmiatori, è stata superiore a 2.904,9 milioni di euro.
Seguono i fondi bilanciati con 789,9 milioni di euro. Segno positivo anche per la categoria degli azionari (più 60,9 milioni di euro) che proseguono, con un po’ di flessione, il positivo andamento registrato in chiusura del 2005.
In territorio negativo si collocano i fondi di liquidità con meno 3.072,9 milioni di euro e meno 2.062,5 milioni di euro per gli Obbligazionari.
Per quanto concerne la tipologia giuridica, lo scorso mese i fondi aperti sono negativi per oltre 1.203,4 miliardi di euro.
Segno meno anche per i fondi riservati (meno 176,2 milioni di euro).
I fondi hedge, con una raccolta di 128,9 milioni di euro, sono l'unica tipologia giuridica con segno positivo.
Entrando nel merito dell'area geografica si conferma il trend positivo in crescita per i Fondi Roundtrip (fondi di diritto estero promossi da intermediari italiani). La raccolta messa a segno da questi prodotti è superiore a 3.153 milioni di euro ed il loro patrimonio si attesta oltre i 187.131 milioni di euro; a gennaio 2005 era pari a 151.146 milioni di euro.
Deflussi per oltre 4.404 milioni di euro per i Fondi Italiani e patrimonio pari a 399.767,6 milioni di euro.