Il raccomandato Atac offende gli ebrei

L’ultimo capito dello scandalo «Parentopoli» all’Atac di Roma arriva dalle colonne del Messaggero. È il quotidiano romano che riporta le offese di Francesco Bianco, un passato nei Nar, Nuclei armati rivoluzionari, gruppo terroristico di estrema destra e assunto dall’azienda di trasporti pubblici, lanciata dal suo profilo di Facebook contro gli studenti che hanno manifestato pacificamente nelle strade della capitale e il presidente della comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici. «L’azienda mi ha garantito una rapide indagine e l’assunzione di adeguati provvedimenti - ha assicurato il sindaco Gianni Alemanno -, qualora si accertasse l’utilizzo di un social network su un’utenza aziendale per fini privati e contenuti gravemente offensivi e antisemiti. Voglio esprimere la mia solidarietà al presidente Pacifici e a tutta la comunità ebraica». Comportamenti del genere, ha aggiunto il primo cittadino, sono inaccettabili, ancor di più se vengono da un dipendente di un’azienda comunale.