Un raccordo eviterà tagli di pista

Sea: «I lavori a ottobre, l’investimento è di 29 milioni»

Claudio De Carli

Spiega Enav che un dispositivo così innovativo non esiste neppure in America e questo in proiezione rende Malpensa un aeroporto all’avanguardia nel mondo. Un sistema definito cooperativo dove le sinergie fra uomo, aereo, pista, condizioni atmosferiche e traffico sono estreme, è come se ognuno mandasse segnali all’altro in continuazione, chiarendo la propria posizione e le proprie intenzioni, riducendo praticamente all’osso gli imprevisti. Il sistema si chiama Emma ed è una evoluzione altamente tecnologica dei precedenti sistemi radar che regolano il traffico aereo di superficie. Sullo schermo presente in torre, ogni aereo ha una sua configurazione precisa, non è riconosciuto da una sigla o da un acronimo ma dal suo nome, differenziato se è un automezzo dei pompieri, un trattore, una macchina per il trasporto bagagli o un aeromobile. Si può capire se un Cessna sta arrivando troppo rapidamente su una via di rullaggio, se un Boeing sta mantenendo la giusta distanza dall’Airbus che lo precede, se da una piazzola gli aerei si stanno muovendo come il controllore di volo ha istruito. Emma ha concluso giovedì la sua prima fase sperimentale a Malpensa, l’Unione europea che ha finanziato per intero tutto il programma ha puntato molto sullo scalo lombardo, più complesso degli altri due aeroporti di Tolosa e Praga che fanno parte del programma.
Al momento solo test e prove, entro l’estate si entrerà in una fase più applicativa, il sistema al momento garantisce uno scarto di perdita sul monitor di un aereo su un milione e solo per pochi istanti. Si può migliorare, ci sono a disposizione altri due anni.
Nel frattempo non si vive di solo software: presto a Malpensa una delle situazioni più critiche verrà praticamente azzerata con la costruzione di un nuovo raccordo che azzererà i circa trecento attraversamenti di pista giornalieri. Il raccordo sud è al termine delle due piste, Sea inizierà i lavori a ottobre, l’investimento previsto è di oltre 29 milioni di euro.