Raddoppiati gli studenti extracomunitari

Da 2.575 a 5.656: in soli quattro anni è più che raddoppiato il numero degli extracomunitari che frequenta le scuole del Comune di Genova superando in alcuni casi la soglia del 20 per cento. Lo rivela un'indagine condotta da Paolo Arvati, direttore dei servizi statistici del Comune. Un’indagine che ha messo insieme i dati relativi alla natalità con quello dell'immigrazione nella nostra città dal dopoguerra a oggi.
Particolarmente interessanti sono i dati relativi all'«indice di carico» che mette in rapporto il numero dei bambini da 0 a 4 anni ogni 100 donne in età feconda dai 15 ai 49 anni.
Questo indice, pari a 25,2 (bambini da 0 a 4 anni) ogni 100 donne nel 1971, crolla bruscamente fino al 13,8 nel 1991. Ma al censimento del 2001 l'indice risale a 16,0 ogni 100 donne in età feconda. Alla base di questa modesta ripresa della natalità, evidenzia la ricerca, sono le nuove presenze straniere.
Un dato più evidente se si considerano i nati da genitori stranieri in base alle dichiarazioni di nascita allo stato civile del Comune di Genova. Meno di vent'anni fa il numero dei nati da almeno un genitore straniero era pressoché irrilevante (1,9 %).
Alla fine del 1991 la percentuale saliva già al 3,5, per crescere al 4,5 nel 1995, al 6,0 nel 1997, al 9,7 nel 1999.
Ma è negli ultimi 5 anni che il fenomeno è diventato impressionante superando il 20 per cento (21,3) di nuovi nati stranieri nel 2004.
Se a questi si aggiungono i ragazzi stranieri nati all'estero e immigrati successivamente, sono evidenti i riflessi di questa nuova composizione della demografia giovanile sulla popolazione scolastica che negli asili nido comunali ha visto crescere le presenze straniere oltre il 20 per cento (20,7) passando da 115 a 264 unità. Nella scuola dell'infanzia, tra l'anno scolastico 2000-2001 e l'anno 2003-2004, la presenza extracomunitaria sale da 563 a 1.101 unità (dal 4,2% al 7,8).
Nella scuola elementare, negli stessi anni, i bambini extracomunitari crescono da 882 unità a 2.037, passando dal 3,9 all'8,9%. Nella scuola media inferiore il numero dei ragazzi extracomunitari cresce da 715 a 1.603, passando dal 5,2 al 10,7.
Infine nella scuola media superiore gli studenti extracomunitari crescono da 415 a 915, passando dall'1,8 al 3,9.