Radicali imbavagliati in coro

Prefettura e Questura di Roma negano al Gay Pride l’accesso a piazza San Giovanni come punto di arrivo della manifestazione e i radicali protestano. «Ci negano la piazza perché all’interno della Basilica, un’ora dopo la fine del Gay pride, si svolgerà un convegno e canterà un coro. Per questo ci imbavaglieremo davanti all’ingresso, nella stessa ora in cui il coro inizierà i suoi canti» annuncia Rita Bernardini, deputata radicale del Pd e segretaria dei radicali. L’azione di protesta si terrà questa sera alle 20.50 e vedrà imbavagliati parlamentari, dirigenti e militanti radicali, di solito impegnati a lamentare di «non avere voce». I coristi ringraziano anticipatamente per l’annunciato silenzio.