Per radicarci sul territorio cominciamo dalle periferie

Caro Direttore,
ho letto con estremo interesse il Tuo articolo, «Dagli all'untore» e non posso che concordare con il Tuo pensiero.
Io credo fermamente che il Popolo delle Libertà sia costituito da milioni di Cittadini che, sia pur nelle varie sfaccettature cattoliche, liberali e socialiste, ma mosse da un unico pensiero quello della libertà e dell'intrapresa privata, lo vogliono e lo votano.
È compito del popolo con la «p» minuscola, e cioè di Noi eletti, cercare questi tanti Amici sul territorio, rafforzarli con la nostra opera nelle loro certezze e convincerli a partecipare attivamente alla cosa pubblica.
E in questo senso trovo particolarmente apprezzabile l'iniziativa del Coordinamento Cittadino di Forza Italia «cominciando dalle periferie» che, a partire dai primi giorni di ottobre, cercherà di avvicinare chi dalla politica è ancora lontano.
Certamente continuerà ad esistere fra di noi chi guarda al proprio particolare interesse o alla propria bottega: non saremmo a Genova!
Ma se si crede nel progetto non posso non concludere con un «non ti curar di loro, ma guarda e passa». Chè, intanto, la differenza la farà il Popolo con la «P» maiuscola!
Consigliere Comunale

di Forza Italia - Verso il P.D.L.