Ragazza romena di 18 anni stuprata alla festa di Natale

Una ragazza romena di 18 anni ha denunciato di essere stata violentata la notte scorsa da un connazionale che conosce di vista, dopo essersi allontanata dal campo rom di via Triboniano, dove era in corso una festa.
La vicenda, sulla quale indaga la polizia, sarebbe iniziata la sera di Natale nel campo dove la giovane era andata in compagnia del marito e di alcuni conoscenti, dall’area dismessa vicino alla stazione ferroviaria della Bovisa dove vive. Nel campo di via Triboniano il marito si sarebbe ubriacato e lei, per protesta, se ne sarebbe andata da sola. Poco dopo avrebbe incontrato un giovane sui 20-25 anni che si sarebbe offerto di accompagnarla a casa a piedi. Durante il tragitto l’avrebbe violentata in una baracca. Poi entrambi si sarebbero rivestiti e avrebbero proseguito fino all’area dismessa. Da casa ha avvertito il marito denunciando la violenza e solo alle 3 del mattino si è decisa a chiamare la polizia. L’aggressore non è stato identificato: si sa che comunque è conosciuto tra i rom della zona. La giovane violentata è irregolare in Italia.