Ragazza sequestrata e violentata: arrestati tre romeni e un nomade

Aggredita da quattro uomini, trascinata in un sottoscala, è stata salvata grazie a un passante. Un ragazza bulgara di 23 anni, con problemi psichici, è stata strappata ai suoi aguzzini, tre romeni e un rom, grazie all’intervento del 113, allertato da un passante. I quattro l’avevano trascinata nel sottoscala di un supermercato e uno di loro aveva già abusato di lei. L’intervento di una volante della polizia ha permesso l’arresto degli aggressori. Gli arrestati sono i romeni Razuan Enacke (21 anni), Petrica Craciunescu (31), Vasile Malinici (32) e lo zingaro italiano residente nel campo del Casilino 900 Robin Ahmetovic (19 anni), tutti con precedenti penali in Romania o in Italia per lesioni, rissa e reati contro la persona e il patrimonio. La violenza sessuale sarebbe stata perpetrata solo dal trentunenne Craciunescu, ma al momento dell’arresto un altro stava per violentare la ragazza. Le accuse sono di violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona e minacce e resistenza a pubblico ufficiale. I particolari della vicenda sono stati resi noti dal vice questore aggiunto di Roma Silvia Franzè e da Paolo Guiso, dirigente della sezione volanti della questura. «La ricostruzione dei fatti è difficoltosa - ha spiegato Franzè - perchè la ragazza è affetta da disturbi psichici ed è sotto choc. Non risulta in cura presso un centro di igiene mentale, ma è stata più volte ricoverata in ospedale, per questo nei prossimi giorni ci servirà l’aiuto dello psicologo per fare chiarezza con lei su quanto accaduto e per farle superare il trauma subito. Per ora - ha aggiunto - sappiamo che la ragazza stava andando al mare, tanto che sotto i vestiti indossava un costume da bagno».