Ragazza allo stadio partita sospesa

Ihasaa. Durante i primi minuti dell’incontro di calcio fra Al Nahda e Urubah, l’arbitro ha ricevuto dal quarto uomo l’informazione che sugli spalti era presente una donna. In Arabia Saudita, per non favorire la promiscuità fra i sessi, lo stadio è vietato alle donne. La gara è stata sospesa e ripresa al 36’ perché un funzionario della federazione araba ha dichiarato sotto la sua responsabilità che la presenza della ragazza non ostacolava lo svolgimento regolare della partita. Ma la donna, una bambina di 12 anni, nel frattempo aveva già lasciato lo stadio.