Ragazzi del liceo «top gun» per un giorno

La Scuola prende il volo. Anzi, a volare su un C130 J dell’Aeronautica militare saranno gli studenti delle medie superiori che avranno frequentato il corso «Conoscere l’Aviazione».
Per chi invece parteciperà al concorso «Un volo di classe», il premio sarà quello di visitare la base delle Frecce Tricolori e assistere a un loro addestramento. Emozioni, alta tecnologia, missioni di difesa aerea e passione per tutto ciò di cui sono capaci i «top gun» dell’Arma azzurra, questi gli stimolanti ingredienti che daranno consistenza all’accordo sottoscritto fra l’Aeronautica militare e il Museo della Scienza e della Tecnologia con il placet dell’Ufficio scolastico regionale della Lombardia.
L’esposizione del progetto è avvenuta presso il Museo della Scienza, da parte del direttore generale Fiorenzo Galli, del generale di Brigata Aerea Enrico Camerotto e della dottoressa Anna Maria Dominici, direttore dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia.
A corredare la presentazione con un efficace racconto delle gioie e fatiche attraversate per giungere al massimo livello dell’abilità nel volo acrobatico, l’ex comandante delle Frecce Tricolori, colonnello Paolo Tarantino, il quale ha subito catturato l’attenzione dei molti studenti in sala. Le finalità dell’intesa fra Museo della Scienza, scuola e Aeronautica militare, le ha spiegate il generale Camerotto: «Abbiamo sicuramente l’interesse che i giovani conoscano l’Arma per valutarne gli sbocchi professionali, ma l’altro fine è accostarli alla elevata tecnologia aeronautica e, in generale, alla stupenda avventura del volo».
Il corso «Conoscere l’aviazione» al quale risultano già iscritti 650 studenti degli istituti Maxwell di Milano e Itis di Gallarate, prevede lezioni di aerotecnica, motori aeronautici, strumentazione aerea, sistemi di avionica, profilo di carriera in Aeronautica militare e pianificazione di una missione. Le lezioni terminano oggi, per poi culminare tra il 25 e il 29 con il volo a bordo di un Hercules C 130 J della la base di Cameri (Novara).