Ragazzi, è il momento di «rileggere» i classici

Fra le proposte natalizie le rivisitazioni di Peter Pan e del mago di Oz

A Natale lo spettacolo dei libri per l’infanzia fa dimenticare cieli grigi e piovosi perché la vita di tutti i giorni cede il passo a una realtà più luminosa e lieta. Il variopinto popolo della notte composto da maghi, streghe, fate capricciose e benevole, animali parlanti e via dicendo comincia la sua festa. Basta aprire gli albi illustrati dell’editrice Bohem o leggere le canzoni de Il pirata pescatore di Roberto Piumini (Mondadori) o l’inno della giungla Il leone si è addormentato, disegnato da Altan (Gallucci) per fare entrare il bambino in un mondo dove i libri sono scrigni preziosi ricchi di immagini e personaggi. Favolosi dinosauri appaiono in immagini tridimensionali nell’Enciclopedia preistorica. I Dinosauri di Robert Sabuda e Matthew Reinhart (Fabbri) mentre nella Grande Storia Universale (Editoriale Scienza) Neal Layton presenta ai bambini un esplosivo Big bang insieme a magnifici disegni che illustrano la teoria di Darwin.
Come riflesse in uno specchio magico che la fantasia crea intorno alla verità, le Storie di animali per bambini senza animali di Vivian Lamarque (Einaudi) guidano attraverso inattesi percorsi, mentre gli sfumati disegni di Mauro Evangelista ci introducono in punta di piedi nell’infanzia di Mozart di In viaggio con Wolfgang, di Chiara Carminati (Fabbri). La fata Brillina, poi, volando di stella in stella incontra buffi personaggi senza mai lasciare il suo libro di magia in I meravigliosi viaggi della fata Brillina, di Emmanuelle Houdart (Motta Junior). Ogni piccola trama delle favole trasfigura la realtà in qualcosa di straordinario. Tutto diventa vivo: è normale perciò che gli alberi parlino (Storia di un albero di Natale, di Lydia Devos e Arnaud Madelénat, Jaca Book) e che il topo più famoso del mondo, Geronimo Stilton, racconti fiabe di ogni tempo (Buonanotte Topini, Piemme Junior), mentre Le parabole di Gesù di Nick Butterworth e Mick Inkpen (San Paolo), tanto riccamente illustrate quanto semplici e concise, presentano Gesù nella veste di grande narratore. Ma ci sono anche libri che parlando di ricette e cucito scatenano la fantasia per l’eleganza e la raffinatezza dei disegni che hanno il tratto di epoche trascorse, come Guarda e cuci e Guarda e cucina di Tina Davis (Corraini).
Grandi artisti del passato hanno saputo esprimere la loro genialità con forza e coraggio. Tra questi il pittore Annibale Carracci (Una minestra di fagioli, per favore!, di Manuela Draghetti, Motta) e la ballerina Isadora Duncan (Sabina Colloredo, ed. El, illustrazioni di Anna ed Elena Balbusso), esempio di vita esaltante, vero punto di riferimento per le adolescenti. A queste originali biografie si aggiungono gialli come Leonardo e la macchina infernale, di Robert Harris (Mondadori) che, coinvolgendo nel ritmo serrato dell’intreccio, offre un vivace quadro della Firenze rinascimentale. Mistero e avventura animano l’imponente Hyperversum di Cecilia Randall (Giunti) che ha per protagonista il giovane Daniel, proiettato virtualmente da un videogioco on line in pieno medioevo.
Anche gli adulti in occasione del Natale farebbero bene ad andarsene liberamente verso isole fortunate e felici come «l’isola che non c’è» di Peter Pan per ritrovare vigore e giovinezza e riuscire ad ascoltare come fanno i bambini il canto notturno simile a quello degli usignoli che esce dal grande giardino di Kensington. Peter Pan è infatti ritornato e le sue nuove mirabolanti avventure sono raccontate da Geraldine McCaughrean in Peter Pan e la sfida al Pirata rosso (Mondadori) con gioia e divertimento dimenticando, come dice l’autrice, di avere alle spalle il fantasma del grande Barrie. Molto più cupa e anticonformista è la rivisitazione del Mago di Oz di Frank Baum compiuta da Gregory Maguire intitolata non a caso Strega (Sonzogno), dove si affronta il lato oscuro della fiaba, dal punto di vista della perfida strega che, con la sua pelle verde e i denti da squalo, è un’eroina in lotta contro la malvagità, alla ricerca della verità dei sentimenti.
Altre giovani donne coraggiose, decise a condividere con l’altro sesso il mondo intero si incontrano nell’avvincente romanzo Lola Rose della bravissima Jacqueline Wilson (Salani, illustrazioni di Nick Sharratt) e in Binnie (Feltrinelli) di Dick King-Smith, l’autore dell’indimenticabile maialino Babe.
Entrare nella dimensione fantastica significa anche dimenticare il presente e chi meglio di Philip Pullman, uno dei più grandi scrittori contemporanei per ragazzi, può guidarci insieme al suo spaventapasseri (Lo Spaventapasseri e il suo servitore, Salani), intrepido Don Chisciotte accompagnato da un fedele servitore, alla ricerca della felicità? Almeno per un giorno, la notte di Natale.