Ragazzo in coma, aggressori ultras di destra: un arresto

Verona, un ventenne si è costituito e ha confessato: "Abbiamo aggredito noi Tommasoli". Il giovane in passato era stata sottoposto a Daspo. Altri due ultras sono stati individuati ma sono fuggiti all'estero. La vittima amcora in coma. L'appello del vescovo. Il sindaco Tosi: sentenza dura

Verona - E' un ultras skinhead il ventenne che ha confessato la selvaggia aggressione che ha ridotto in fin di vita Nicola Tommasoli (che è ancora in coma), picchiato per una sigaretta. Era già stato responsabile di aggressioni a sfondo razzista e violenze negli stadi. Il giovane, che sarebbe di una famiglia benestante di Verona, si è costituito questa mattina presso la Digos di Verona dopo che i poliziotti avevano di fatto stretto il cerchio attorno a lui. Accompagnato da un avvocato di fiducia, il ragazzo ha così confessato davanti ai magistrati. In passato, a quanto si è appreso, era stato sottoposto a Daspo.

La polizia è arrivata al giovane, secondo quanto si apprende da fonti investigative, indagando su 'ambienti politicizzati' della città scaligera sui quali la stessa Digos aveva chiuso un'indagine pochi mesi fa. Indagine che aveva portato all'iscrizione nel registro degli indagati di 17 giovani resisi responsabili di aggressioni analoghe, di stampo razzista, a quella in cui è rimasto vittima Nicola Tommasoli.

Due fuggiti all'estero Sono stati individuati dalla polizia ma sono già fuggiti all'estero, a quanto si apprende negli ambienti investigativi, altri due giovani che la notte del primo maggio hanno partecipato all'aggressione con il ventenne fermato oggi. Il fermato è stato condotto in carcere a Montorio.

"Fronte veneto Skinheads" Sarebbe questo - per gli inquirenti - il gruppo di appartenenza dei tre giovani responsabili dell'aggressione a Nicola Tommasoli. I tre, secondo quanto si apprende in ambienti investigativi, farebbero parte di un gruppo di giovani di estrema destra, molti dei quali ultras del Verona, il cui obiettivo era la "caccia al diverso". Nell'indagine chiusa un anno fa dalla Digos scaligera, che ha portato alla denuncia di 17 ragazzi tra i 17 e i 25 anni, è infatti emerso che le vittime della banda non erano solo extracomunitari ma tutti coloro che in qualche modo venivano visti come non omologabili con le loro idee.

Altre aggressioni A conferma di ciò, le indagini avevano consentito di accertare violenze nei confronti di un giovane che indossava una felpa del Lecce e di due ragazzi appartenenti al centro sociale 'Chimica', aggrediti a colpi di spranga. Ancora, la banda sarebbe stata responsabile di un'aggressione ad un giovane seduto sulle scalinate di piazza Erbe, colpevole di danneggiare l'immagine di Verona 'citta' di classé. Nel corso delle perquisizioni effettuate un anno fa nelle abitazioni degli indagati, la polizia trovò cinghie, manganelli telescopici ma anche cassette video e dvd che contenevano immagini di pestaggi e documenti e materiale del 'Veneto fronte skinheads'.

"Non è dei nostri" Il "Fronte", per voce del presidente Giordano Caracino, esclude che il ragazzo fermato faccia parte del proprio movimento. "Il ragazzo - afferma - dalle informazioni che abbiamo, non fa parte del Fvs, non lo conosciamo. Non basta avere i capelli corti, un bomber o avere certe idee per far parte del nostro movimento". "Noi - aggiunge Caracino - prendiamo le distanze in maniera categorica dall'accaduto e dalle persone che l'hanno compiuto. Si fa presto a mettere insieme due nomi e delle sigle per tirare in ballo la nostra associazione". "Stiamo valutando come muoverci - afferma ancora Caracino - per diffidare chiunque dall'affiancare il nostro movimento al fatto di Verona". Caracino, padovano, è presidente del Veneto Fronte Skinheads dall'ottobre del 2006. Secondo Caracino il movimento di estrema destra conta su alcune centinaia di aderenti.

Il vescovo "C'é una superficialità, una banalizzazione della vita in certi giovani che ci preoccupa". Così il vescovo di Verona, monsignor Giuseppe Zenti, commenta gli ultimi sviluppi della vicenda dell'aggressione al ventenne veronese Nicola Tommasoli, con l'individuazione dei presunti aggressori. "Sicuramente questi ragazzi - continua - non volevano uccidere il loro coetaneo, ma viene da chiedersi: una sigaretta vale meno della vita?". "La città di Verona - sottolinea il vescovo - non si meritava questo episodio. Io sono veronese, e so che i miei concittadini non hanno certo la vocazione alla violenza, semmai quella della solidarietà. Quindi ci turba ancora di più vedere che questa cultura strisciante, che banalizza la vita, tenti di insinuarsi anche nella nostra città". "Credo - prosegue mons. Zenti - che dovremmo sederci attorno ad un tavolo, tutti quelli che hanno responsabilita educative, per spiegare ai ragazzi che la vità vale più di ogni altra cosa". "Per certi versi - conclude il vescovo - questi giovani fanno parte di un mondo a noi sconosciuto, del quale non abbiamo la password. Bisogna capire che cosa ci sia a fondamento delle loro ragioni di vita. Episodi come questo sono punte di iceberg i cui fondali ci appaiono preoccupanti".

Il sindaco Tosi: sentenza dura Chiede alla giustizia di avere la mano dura il sindaco di Verona Flavio Tosi nei confronti degli aggressori del giovane. Tosi commenta con "soddisfazione" il fermo di un 20enne veronese ritenuto uno dei responsabili dell'aggressione "brutale e ingiustificabile", così come anche l'individuazione di altri due componenti del gruppo. "Del resto - prosegue - ero convinto che le indagini avrebbero rapidamente portato alla scoperta di colpevoli perché a Verona non esiste fortunatamente un clima omertoso che possa far rimanere impunito un simile delitto". "Mentre continuo a sperare che Nicola riesca ad uscire dalla situazione molto critica in cui si trova - prosegue il sindaco - mi auguro che la giustizia faccia il più rapidamente possibile il suo corso, senza sconti né patteggiamenti, che l'opinione pubblica riterrebbe del tutto inaccettabili". Questo, conclude Tosi, perché la "sentenza oltre che dura, come questo delitto merita, deve rappresentare anche un monito per tutti".