Ragazzo muore per infarto durante partita di calcetto

Un ragazzo di 16 anni è morto venerdì sera a Roma mentre disputava una partita di calcetto. G.C., è improvvisamente crollato a terra alle 20,30, mezz’ora dopo l’inizio della gara che stava disputando in un campo da gioco a Tor Sapienza. Quando dirigenti e giocatori hanno visto che il ragazzo non riprendeva i sensi, hanno chiamato i carabinieri, intervenuti con una pattuglia del nucleo radiomobile e un’ambulanza del 118 ma i soccorsi sono stati vani. Sono accorsi anche alcuni parenti ma inutile è stato il trasporto nel policlinico Casilino, dove i medici, alle 21, hanno accertato che la morte era dovuta a un infarto. In ospedale erano intanto arrivati la madre, parenti, i compagni di squadra e i dirigenti della società calcistica, mentre il padre un medico, che era fuori città, è accorso in ospedale. Il sostituto procuratore della Repubblica di Roma Adelchi D’Ippolito ha affidato le indagini ai carabinieri. Il magistrato ha disposto l’autopsia che sarà eseguita domani mattina dal medico legale Antonio Gamba nell’istituto di medicina legale dell’università La Sapienza.
In particolare le indagini dovranno accertare se il ragazzo, che avrebbe compiuto 17 anni a giugno, avesse problemi cardiaci e se fosse stato sottoposto in passato ad un intervento chirurgico al cuore. Inoltre dovrà essere appurato se al ragazzo fosse stato rilasciata, e da chi, l’idoneità a disputare l’attività sportiva.